Latteria Perenzin
 

Si è alzato il sipario sulla 61. mostra internazionale del cinema di Venezia e l’enogastronomia della Marca trevigiana torna protagonista grazie alla Provincia di Treviso e al Gruppo ristoratori della Marca con la nascente Associazione dei giovani cuochi trevigiani e il coordinamento della Carry On di Conegliano. Così l’enogastronomia trevigiana, che da anni accompagna il mondo del cinema, sarà a Venezia come è stata a Cannes, Berlino, New York e Los Angeles.
Ad animare il wine-bar sulla terrazza dell’hotel Excelsior all’interno dello spazio “cinema incontri” – che Cinecittà Holding ha voluto per presentare le attività e i progetti della società del gruppo cinema tografico pubblico (Istituto Luce, Cineplex, Aip) – ci sarà: il Prosecco doc Conegliano Valdobbiadene; i fragranti Bibanesi e i distillati della Bonaventura Maschio di Gaiarine. E ogni giorno, dalle 17 alle 19, registi, vip ed attori ritrovandosi sulla terrazza brinderanno con un Bellini di Cannella in attesa degli “Incontri del gusto” con prodotti tipici della Marca del salumificio De Stefani, la salamella del Guinnes dei primati del trevigiano Bruno Bassotto, i formaggi della Latteria Perenzin di Bagnolo e la casatella del Consorzio casatella trevigiana. Il tutto abbinato al Prosecco delle aziende Adami, Borgo Antico, Sorelle Bronca e la musica d’ambiente di Alberto Grollo.
E presso Villa Zavagli sul lungomare Marconi all’interno della sezione “Le giornate degli autori”, gli stessi prodotti per gli ospiti della mostra sono protagonisti del wine-bar e ristorantino Vip, gestito dal ristoratore Miron di Nervesa della Battaglia.

Michele Miriade