Latteria Perenzin
 
VIII edizione del Concorso Regionale Formaggi del Veneto. Superpremiata la storica Latteria Perenzin a Caseus Veneti 2012

Vincitrice indiscussa di “Caseus Veneti 2012”, la Latteria Perenzin di Bagnolo di San Pietro di Feletto è stata la protagonista del concorso. Pioggia di medaglie d’oro e d’argento per la qualità dei suoi formaggi, che hanno ottenuto ben 8 riconoscimenti

Caciottona di Capra Stagionata della Latteria Perenzin, vincitrice della medaglia d’argento a Caseus Veneti 2012

Bagnolo (TV), ottobre 2012 – E’ stato il caseificio più premiato a Caseus Veneti 2012, un record senza precedenti per la storica Latteria Perenzin che si è portata a casa tre primi posti, quattro secondi posti, più un bronzo. E’ stata inoltre conferita la targa di merito dell’ONAF – delegazione del Veneto – per il Capra Ubriaco al Traminer, il migliore tra i formaggi tipici tradizionali.

Al mastro casaro Carlo Piccoli e ad Emanuela Perenzin, pronipote del fondatore della storica latteria trevigiana, sono infatti state assegnate, dall’autorevole giuria del concorso, ben tre medaglie d’oro nelle categorie Montasio Dop Mezzano 5-10 mesi, Formaggio di Capra al Traminer e Robiola di Capra, oltre a quattro medaglie d’argento nelle sezioni Montasio Stagionato, Caciotta di Vacca Bio, Caciottona di Capra al pepe e Caciottona di Capra Stagionata, più un terzo posto nella categoria formaggi freschi. I fattori che hanno determinato il successo dei formaggi della Latteria Perenzin, apprezzati dalla commissione di questa selezione, sono la loro tipicità, ancorata alla tradizione veneta, unita all’ elevata capacità di innovazione, che li hanno eletti espressione del gusto ai più alti livelli. Anno fortunato per la latteria di Bagnolo che ha visto premiare pochi mesi fa anche il suo mastro casaro Carlo Piccoli, come miglior professionista al concorso Alma Caseus a Cibus.

Durante la due giorni di eccellenze lattiero casearie del Veneto, tenutasi lo scorso fine settimana nelle lussuose sale di Villa Ca’ Vendri, a Quinto di Valpantena, nel veronese, si sono svolte le premiazioni e gli eventi che hanno messo in risalto l’ineguagliabile patrimonio dell’intero settore che conta oltre settanta tipologie di formaggi. Alla manifestazione veronese hanno partecipato i migliori produttori e consorzi veneti, ben 351 formaggi per 35 categorie in gara, rappresentanti di una delle più importanti realtà economiche regionali. L’occasione è stata anche quella di promuovere un settore di nicchia d’eccellenza, che trasforma in formaggi circa l’85 per cento degli 11 milioni di quintali di latte prodotto dagli allevamenti presenti in Veneto.

Non è solo la qualità l’argomento che sta a cuore alla Latteria Perenzin, ma anche l’accoglienza e la promozione del mondo caseario d’eccellenza, che si è potuta perfezionare con l’ apertura del nuovo cheese bar PER, Percorsi Enogastronomici di Ricerca, uno spazio dove tutto ruota attorno al formaggio. L’innovativa formula “tavola e bottega” dedica ampi spazi alla gastronomia e mette in vetrina la migliore produzione di formaggi vaccini e caprini bio della latteria, con una ventina di tavoli attorniati da pareti di bottiglie pregiate e altre delizie del territorio, il tutto condito da momenti culturali e buona musica.

La produzione, affidata direttamente a Carlo Piccoli, Maestro assaggiatore ONAF che vanta un’esperienza ventennale in tutta la filiera del latte, realizzata artigianalmente si focalizza sui formaggi tradizionali, biologici di latte vaccino e di capra. Anche la didattica è un argomento che sta molto a cuore ad Emanuela e Carlo, tanto da aver dato vita alla prima Accademia Internazionale dell’Arte Casearia dove i giovani, futuri “casari” possono imparare l’arte di lavorare il latte e di produrre formaggi legati alle tradizioni del proprio territorio. L’Accademia è a Bagnolo nella stessa sede della latteria che, a partire da quest’anno, ha messo a punto un ricco programma di formazione con lezioni pratiche e teoriche, degustazioni e visite studio, nell’intento di formare giovani in grado di tramandare la sapiente maestria degli artigiani caseari e di rilanciare un mestiere antico.

Dal sito Caseus Veneti: vincitori edizione 2012